Curare l’acne in modo naturale con la Cannabis Light: si può?

Curare l’acne in modo naturale con la Cannabis Light è possibile? Il CBD contenuto nella nostra amata canapa legale ha proprietà antinfiammatorie e antisettiche, ma soprattutto riequilibra l’attività delle ghiandole sebacee. La cannabis light è anche un rimedio naturale contro lo stress, che influisce molto sull’acne.

Potrebbe interessarti anche:
Cannabis Light e il mal di testa da mestruazioni, rimedio naturale

L’acne: cause e conseguenze

Chi soffre di acne deve convivere con un vero e proprio fardello sulle spalle. Questo disturbo della pelle ha una serie di conseguenze piuttosto invasive nello stile di vita di una persona. Insomma, non è solo questione di un brufolo qui e là. Se si vuole intervenire contro l’acne bisogna tenere in considerazione moltissimi fattori: ormoni, alimentazione, stress, abitudini igieniche e praticamente un conto aperto con la farmacia sotto casa.

Davvero la cannabis è un rimedio naturale contro l’acne?

Ma il mondo vegetale può aiutarci, basta saperlo ascoltare e dargli il giusto spazio. Se dico cannabis, sicuramente molti di voi mi rideranno in faccia. Ricorderete quel compagno di classe del liceo che si fumava le canne dalla mattina alla sera ed era ricoperto di brufoli, cisti e cicatrici. Ecco, niente a che vedere. Non stiamo infatti pensando alla cannabis con una consistente presenza di THC, ma di cannabis light, in cui il cannabinoide che la fa da padrona è il CBD. Alcuni studi sui ratti hanno dimostrato come altissime quantità di THC causano dei picchi nella produzione di testosterone che, come spesso succede quando c’è un’eccessiva produzione di ormoni, provocano un’iperproduzione di sebo e quindi l’acne. Il CBD di cui la cannabis light invece ha tutt’altro effetto!

Acne e sistema endocannabinoide: il CBD è un seboregolatore

Quello che rende il CBD contenuto nella cannabis light un ottimo anti acne è la sua azione sulle ghiandole sebacee. Sembra che il suo effetto sia paragonabile a quello delle terapie antiacne a base di ormoni, pillola contraccettiva o steroidi, come lo spironolactone o l’isotretinoina (se dico Accutane forse questo nome vi suonerà più familiare). Per quanto riguarda la pelle, il sistema endocannabinoide si occupa anche di regolare la produzione di sebo, la crescita dei capelli e la risposta immunitaria del derma. Ricerche svolte dallo scienziato ungherese Tamas Biro nel 2010 andavano a indagare queste funzioni del sistema endocannabinoide e come il CBD, il fitocannabinoide maggiormente presente nella cannabis light, interagisce con esso. Scoprì che il CBD, con il sistema endocannabinoide, influenza l’attività delle ghiandole sebacee. In che modo?

THC e CBD: cannabinoidi a confronto nella lotta contro l’acne

Quando c’è in circolo molto anandamide, come succede per effetto del THC, il risultato è un’eccessiva produzione di sebo; viceversa, se l’anandamide è scarso, la pelle presenterà problemi di secchezza e prurito come l’eczema. Il CBD agisce diversamente e il Dr. Tamas Biro verificò che il cannabidiolo, inibendo la sintesi dei lipidi, portava a una diminuzione nella produzione del sebo, soprattutto laddove questa produzione è sbilanciata. Anche sul piano dermatologico quindi, la cannabis light è in grado di svolgere la sua funzione riequilibrante e di riportare le ghiandole sebacee a lavorare regolarmente, diversamente dal THC. Ecco perché potrebbero eserci buone possibilità di ricerca per curare l’acne in modo naturale con la cannabis light e il CBD.

Ridurre le infiammazioni dell’acne con la cannabis light

Ma non è finita qui. La cannabis light compie anche altre funzioni importanti per chi soffre di acne. Il CBD infatti ha note proprietà antinfiammatorie, che agiscono su brufoli, pustole e cisti con un’azione calmante. Mi raccomando però, giù le mani dalla pelle! Non toccatevi la faccia e soprattutto non schiacciate i brufoli. Non solo perché questo può facilitare il propagarsi dell’infezione, ma anche perché si creano così delle lesioni che possono lasciare vere e proprie cicatrici. Ridurre le infiammazioni dell’acne con la cannabis light è possibile, ma ci vogliono anche buone abitudini igieniche!

Le proprietà antisettiche e antibiotiche del CBD anti acne

Il CBD ha anche una funzione antisettica e, come si accennava prima, interviene nella risposta immunitaria della pelle contro i batteri. Le pelli acneiche, a causa dell’eccesso di sebo, intrappolano tossine, impurità e batteri, causandone la proliferazione e le infezioni. Si stanno ancora svolgendo studi per giustificare le incredibili proprietà antibiotiche della cannabis, soprattutto nell’uso topico. Sembra addirittura che alcuni dei cannabinoidi in essa contenuti siano in grado di sconfiggere anche i batteri resistenti agli antibiotici tradizionali.

Acne e cannabis light: intervenire naturalmente sullo stress

Inoltre, la cannabis light è un rimedio naturale per combattere lo stress. E questo cosa c’entra con l’acne? Come moltissimi disturbi della pelle, anche all’origine dell’acne c’è spesso una componente psicosomatica. Questo è facilmente comprensibile perché ormai è di dominio comune il fatto che l’ansia e lo stress incidono sulla produzione di ormoni, come l’adrenalina e l’ancora più temuto cortisolo, e un eccesso di questi ormoni provoca una produzione esagerata di sebo. Le proprietà rilassanti della cannabis light riducono l’acne perché impediscono alla tensione nervosa di “sballare” il nostro sistema endocrino.

Prima di curare l’acne con la cannabis light, consulta il dermatologo


Se decidi di scegliere creme o altri prodotti a base di CBD ricorda che per essere efficaci hanno bisogno di essere assorbito in modo appropriato dalla tua pelle. Quindi ricorda sempre di parlare con il tuo dermatologo prima di decidere di tentare una cura per l’acne con la cannabis light o utilizzando prodotti a base di CBD. Questo accorgimento risulta ancora più importante se stai facendo una terapia a base di farmaci contro l’acne: il medico sarà in grado di darti informazioni sulla possibilità o meno di interferenze tra cannabis light e i tuoi soliti medicinali.

Curare l’acne con un rimedio naturale come la cannabis light è possibile? I benefici del CBD contro l’acne, sopratutto nella regolazione della produzione di sebo, sembrano essere molto promettenti. Non ci resta che parlare con il nostro dermatologo per trovare la soluzione più adatta al nostro caso!

By | 2018-06-08T11:34:57+00:00 Giugno 8th, 2018|Uncategorized|0 Commenti

About the Author:

Scrivi un commento